Sempre meglio che lavorare…

E’ tornato il lavoro più bello del mondo: il cronista sportivo!
Nuovo campionato e nuove partite: spero di poter entrare (e pure uscire…) in tante postazioni da cronista, come questa – un po’ stretta – dello stadio “Carlo Zecchini” di Grosseto. Ma che bel lavoro!!! Sempre meglio che lavorare…

 

Che estate, questa estate di calciomercato!!!

E’ finito il calciomercato.
Altro che Donnarumma al Paris St.Germain, i veri colpi dell’estate 2021 sono stati il trasferimento epocale di Leo Messi dal Barcellona al PSG e il ritorno di Cristiano Ronaldo al Manchester United (salutando la Juve)!!! 

E quando i due fuoriclasse del calcio mondiale degli ultimi 15 e passa anni cambiano maglia, agli altri restano solo le brici0le…

 

Ciao, Gianfranco!

Qualche giorno fa è mancato Gianfranco D’Angelo. Oltre ad averlo conosciuto – come tutti – in televisione, soprattutto nel mitico programma “Drive In”, insieme a Ezio Greggio, personalmente ho avuto il piacere di intervistarlo nella mia trasmissione “Gentecheparla”, in onda su Quartarete Tv di Torino. La foto che pubblico si riferisce proprio a quel giorno: era il maggio 2009. Insieme a me e a Gianfranco, in studio, anche l’attrice Ivana Monti. Ricordo che, mentre la Monti faceva molto la star, con la richiesta di pagamento del taxi, D’Angelo in realtà fu molto più alla mano, simpatico come te lo aspetti che sia (e che molto spesso, con i comici, non accade: vedi Paolo Villaggio).
Gianfranco D’Angelo lo rivedo spesso in vecchi film anni ’70 e l’ho visto diverse volte a teatro, anche nel suo ultimo spettacolo “Sul Lago Dorato”, in cui fu bravissimo. Insieme all’amica e regista Erica Maria Del Zotto, lo vidi al Teatro Gioiello di Torino, proprio il sabato prima della chiusura di tutto causa Covid.
Almeno sono riuscito a salutare (e applaudire) Gianfranco D’Angelo per l’ultima volta. Mi ha fatto tanto ridere. Una cosa mica da poco. 

L’Italia s’è desta! Almeno nello sport…

Mai così tante medaglie alle Olimpiadi!
Tokyo ci regala il record di ori, argenti e bronzi, 40 medaglie!
Come ci ispira l’inno di Mameli, forse “l’Italia s’è desta”. Almeno nello sport. E, in particolare, nella regina degli sport: l’atletica leggere.
Vittorie attese per cinque anni (Gian Marco Tamberi), vittorie impossibili (Marcell Jacobs: chi l’avrebbe mai detto?), vittorie di marcia (Massimo Stano e Antonella Palmisano) e di vittorie in staffetta (Grande Filippo Tortu nella frazione finale!)

Mai così in alto la nostra atletica, nemmeno ai tempi di Pietro Mennea, Gabriella Dorio e Sara Simeoni…
Speriamo che la “politica sportiva” non si prenda meriti che non ha (i meriti sono degli atleti e dei sacrifici che fanno) e non rovini lo sport dilettantistico, lo sport di base, lo sport di tutti.
Le medaglie nascono da lì.

Team Italy celebrates after winning the men’s 4×100-meter relay final at the 2020 Summer Olympics, Friday, Aug. 6, 2021, in Tokyo. (AP Photo/Petr David Josek)

A quanto pare, va bene così. Ma a me no…

Non ho mai avuto particolare stima per chi indossa una divisa, troppo spesso viene usata solo come “potere personale”. Trovo, però, che il livello post-pandemia delle forze dell’ordine sia sceso a livelli infimissimi, credo dovuti ad ordini superiori.
L’altro giorno, alla stazione dei treni di Cervia, sono stato fermato dal solito zelante appuntato dei caramba, che mi ha scoperto in flagranza di reato: stavo guardando gli orari dei treni, dentro la stazione, senza la mascherina, che mi ero tolto per vedere meglio gli orari con gli occhiali, senza quel caxxo di appannamento a cui ci costringe la mutanda in faccia. Me lo fa notare con tono da Walker Texas Ranger (senza esserlo) e gli rispondo un po’ sgarbatamente, lo ammetto. Il caramba ringhia e mi chiede: “Dogumendi”. Faccio il bravo cittadino, esibisco la carta d’identità, il caramba dimostra di saper almeno leggere perché dice “Ah, abita a Torino. E che ci fa a Cervia?”. “Le ferie, guarda un pò”, gli rispondo.
Il salvatore della patria mi lascia finalmente andare, senza arrestarmi, e mi dispensa consigli non richiesti su come non far appannare gli occhiali con la mutanda in faccia.
Nel frattempo, la stazione ferroviaria di Cervia è piena di facce sospette con bustina nel taschino (si vede lontano un miglio che sono li per spacciare), gente che non credo che abbia nè il green pass nè tantomeno il permesso di soggiorno e – sdraiato sul bancone (non per terra, ma sul bancone) della biglietteria (chiusa) della stazione – c’è un barbone che dorme beato come un angioletto, ma non mi pare avesse addosso la mascherina….
Sarà andato a chiedere i “dogumendi” anche a loro, il nostro sagace 007 della Benemerita?
Non credo proprio.
Ma, a quanto pare, va bene cosi.
O no?

“Antologia dei 10” del Milan: inizia così il mio capitolo su “Dustin” Antonelli

Era la prima partita che vedevo dal vivo.
Anzi, no. La seconda.
La prima, però, non vale tanto. Avevo solo otto anni. Ricordo Gianni Rivera battere un calcio d’angolo a ridosso della curva strapiena (che più piena non si poteva) della Spal, in un’afosa sera di settembre del 1978, per una partita di Coppa Italia che il Milan perse incredibilmente 3-1.
L’anno della Stella, comunque.
Stavolta, è la seconda volta quella che conta di più.
12 aprile 1980.
Avevo dieci anni.
Spal-Milan di campionato, la serie B maledetta.
Fu quella volta che mi innamorai di Roberto Antonelli, per tutti semplicemente “Dustin”.

Tutti pazzi per lo “Squalo”

Le auto vintage tirano fortissimo. Sempre più club di auto d’epoca, listini prezzi delle “storiche” alle stelle, caccia senza fine alle “vecchie signore” di ogni epoca. Una ricerca di Google Analytics ha evidenziato un’impennata vertiginosa del 90% in più di visite alle pagine e ai siti web che offrono auto storiche. Il dato ha spinto uswitch.com/car-insurance ad approfondire la tendenza attraverso gli hashtag di Instagram, individuando cosi le dieci automobili dei sogni del popolo “social”.
La più desiderata è la Citroën DS, il famosissimo “Squalo”, prodotto dalla casa francese dal 1955 al 1975, per poi passare direttamente al mito. Progettata da Paul Magès e Andrè Lefèbvre, la sigla DS sta per Désirée Spéciale e il soprannome deriva dalla forma a “squalo”, assolutamente avveniristica per quei tempi.
Secondo posto per la Jaguar E-Type serie 1, l’auto che sogna ogni gentleman. Terzo gradino del podio per la prima delle italiane, la Fiat 124 Sport Spider, prodotta dal 1966 al 1981, apprezzata in particolare all’estero, anche la più economica delle top 10, con un prezzo di partenza di appena 10.000 euro. Seguono in classifica: la Ferrari 250 GTO, la Lamborghini Miura, la semisconosciuta Volvo P 1800 (presentata al Salone di Bruxelles 1960, una delle più ricercate da collezionisti e restauratori), la De Tomaso Pantera, la Ferrari 308 GTS, l’Aston Martin DB4 GT Zagato (11 milioni di dollari: per molti, ma non per tutti…) e la biposto Austin Healy.
Scegliete voi quella che preferite.
Ce n’è davvero per tutti i gusti, per tutte le passioni e…per tutte le tasche…

Carolina Morace, la prima vera opinionista di calcio

Si è fatto un gran parlare, in questi giorni, di Katia Serra, l’ex calciatrice ora commentatrice tecnica in tv, anche per la finale degli Europei Inghilterra-Italia. In un tripudio di “prima volta di una donna che commenta il calcio in televisione”, è doveroso ricordare che – nella realtà dei fatti – la prima vera opinionista di calcio di sesso femminile è stata la mitica Carolina Morace, oggi 57 anni. Una stella assoluta, a livello mondiale, del calcio femminile e una donna con una storia speciale, tutta sua. Oltre ad essere stata per vent’anni attaccante della nazionale azzurro (e anche capitana), segnando raffiche di gol con tutte le squadre con cui ha giocato, è diventata anche la prima (e finora unica) allenatrice a guidare una squadra maschile professionistica di calcio (la Viterbese, nel 1999), anche se – con il vulcanico presidente Gaucci – durò appena 100 giorni e tre partite di campionato, quando si è dimessa dopo l’intenzione del patron di licenziare la sua vice Betty Bavagnoli e il suo preparatore atletico. In tempo, tuttavia, per essere inserite nella classifica di “Time” delle donne che, a quel tempo, stavano cambiando l’Europa, unica italiana insieme a Emma Bonino.
Poi, tante esperienze in Italia (anche la nazionale femminile) e in giro per il mondo (Canada, Trinidad), panchine prestigiose, come Milan e Lazio. E, ancora più importante, il suo “coming out”, pubblicato nella biografia “Fuori dagli schemi”, in riferimento alla sua omosessualità.
Carolina Morace è sposata dal 2012 con Nicola Jane Williams, ex giocatrice e allenatrice nata in Inghilterra e cresciuta in Australia. Vivono insieme, allenano insieme, stanno bene insieme, hanno mille progetti insieme…
Carolina Morace, la prima in tutto.
Insomma: (ri)date a Carolina quel che è di Carolina.

Adieu, “France Football”

Con molto dispiacere, apprendo dall’edicolante da cui vado quando sono a Lione che – da due mesi – “France Football”, storica rivista sportiva francese (nata nel 1946) che ha inventato il Pallone d’Oro, non esiste più.
Prima usciva il martedì e il venerdì, poi negli ultimi anni solo il martedì, ora si è ridotto a supplemento mensile del sabato del quotidiano L’Equipe, venduto “a panino”, nemmeno separatamente.
Anche e soprattutto per “colpa” del web, la crisi dell’editoria è irreversibile.
Del resto, anche il mitico “Guerin Sportivo” è diventato mensile. Ma almeno si può comprare solo quello, senza doverlo abbinare ad un altro giornale.
Va così.
Che tristezza, però.

Campioni d’Europa!

Chi l’avrebbe detto? La nazionale senza star di Roberto Mancini ha vinto gli Europei 2020 (giocati nel 2021). 
I rigori, stavolta, ci hanno portato bene. Troppe volte ci avevano puniti.
Ma in questo caso, li abbiamo tirati bene. Prima la Spagna, poi l’Inghilterra. (Ab)battuti ai tiri dal dischetto.

E dopo 53 anni, da quel 1968 baciato in fronte persino da una monetina fortunata, siamo tornati sul tetto d’Europa. E pensare che tre anni fa non ci eravamo nemmeno qualificati ai mondiali (vero, Ventura?)…
E vince l’Italia del gruppo, dei veterani Chiellini e Bonucci, del fantasioso Insegne, del velocista Chiesa (figlio d’arte), dei “provinciali” Locatelli e Berardi, dei bomber… che non segnano Immobile e Belotti, dello sconosciuto terzino Di Lorenzo, dello sfortunato Spinazzola, del regista Verratti, del corridore Barella, l’Italia che è una squadra che è stata veramente squadra…
E adesso sotto con i Mondiali in Qatar, che si giocano appena tra un anno e mezzo, da novembre a dicembre 2022. 
Detto questo e tributato il giusto omaggio ai neocampioni d’Europa, per me l’11 luglio – quello vero – resta sempre solo e comunque del 1982 (grazie indimenticabile Pablito).