"Arts for children"

Osvaldo Neirotti, l’artista che dipinge sugli alberi

Osvaldo Neirotti è l’unico artista al mondo che dipinge sugli alberi.

Non su tela, ma sul fusto vero dell’albero. In condizioni di assoluta non nocività per le piante, utilizzando esclusivamente colori composti da pigmenti naturali, approvati da biologi, agronomi ed esperti forestali.

Il progetto di Osvaldo Neirotti prende il nome di “Natura Urbana“, una serie di installazioni artistiche in ambito urbano, con l’intenzione di sensibilizzare i cittadini sul delicato tema ambientale.

Il progetto è stato presentato al Comune di Torino, città dove vive Neirotti: è stato approvato e le prime installazioni sono state create già nel 2017.  Iniziando, in via sperimentale, con zone disagiate della città, come il Cortile del Maglio di Porta Palazzo: la pittura sugli alberi è diventata subito una calamita!

Subito dopo, un’altra installazione è stata realizzata presso la scuola “Anna Frank”, sempre a Torino, coinvolgendo i bambini di tutta la scuola. In questo modo l’artista è riuscito a trasmettere valori e stimoli non solo ambientali, ma anche scolastici.

Neirotti mentre crea Marco l’elefante di via San Donato a Torino

Ormai è diventata consuetudine essere contattati dalle scuole per l’inserimento del progetto“, commenta Osvaldo Neirotti. Che prova a spiegare il “perchè” della sua intuizione artistica e ambientale: “Perchè colorare gli alberi? Perchè la memoria funziona per l’80% attraverso le immagini, quindi vedendo gli alberi colorati, la gente arriva subito. per associazione, a: Ambiente = Rispetto. Diventare respons-abili (cioè capaci di rispondere a determinate esigenze). Perchè vogliamo che la gente risponda positivamente a questo messaggio.
Aggiunge Neirotti:”Il mio desiderio era quello di dare un maggior contributo socio-ambientale, non per ergermi a paladino dell’indifferenza, ma bensì come messaggero di opportunità, ottimismo, facoltà di scelta e cambiamento. Ogni artista prova a dare il proprio contributo, io do il mio“, aggiunge Neirotti.

Lo staff dell’artista sta già lavorando per esportare il progetto “Natura Urbana” in tutta Italia e oltre. L’intenzione è di integrare nella proposta diversi artisti famosi, che fungeranno da testimonial, importanti – con la loro presenza – per informare, educare e responsabilizzare i cittadini al rispetto per l’ambiente.

Il divario economico “di genere” si colmerà nel 2277

Un dato impressionante.
Secondo il “Global Gender Gap Report 2020, al ritmo attuale ci vorranno addirittura 257 anni  (arriviamo al 2277…) perché il divario economico “di genere” si riduca completamente.

Il rapporto rileva che, nonostante il divario sia stato ridotto negli ultimi anni, i progressi stanno rallentando: basti pensare che l’anno scorso era stato stimato che per raggiungere la piena parità ci sarebbero voluti 202 anni.
Ora sono già diventati 55 in più!

Il World Economic Forum di Davos misura il divario economico di genere fin dal 2006.
Oltre alle questioni economiche, il rapporto prende in considerazione anche la politica, l’istruzione e la salute.

Le cifre sono più incoraggianti nelle ultime due categorie rilevate (istruzione e salute), in cui è stata raggiunta la parità rispettivamente al 96,1% e al 95,7%.

A livello globale, il 45% delle donne in età lavorativa non è presente sul mercato del lavoro, contro il 22%.
Le donne che lavorano ricevono in media il 60% di quanto guadagnano gli uomini, a parità di lavoro.
Ci sono ancora 72 paesi in cui alle donne viene impedito di aprire un conto in banca o di ottenere un credito.

Anche l’accesso alle professioni del futuro è un problema per le donne.
Mentre nel settore “persone e cultura” le donne rappresentano il 65% dei lavoratori, solo il 12% dei lavoratori del “cloud computing” e solo il 15% degli ingegneri sono donne : una situazione che potrebbe vedere un aumento del divario economico nel suo complesso negli anni a venire.

Delle quattro aree studiate dal rapporto, il campo della politica rappresentenza la maggiore differenza “di genere”.
Per quanto riguarda i rappresentanti eletti, al ritmo attuale mancano ancora 95 anni per vedere un ugual numero di uomini e donne in Parlamento e ben 85 Paesi dei 153 trattati nel rapporto (Italia compresa) non hanno mai avuto un capo di governo donna.

Tuttavia, il divario “di genere” nell’empowerment politico ha visto il miglioramento più significativo di tutte e quattro le aree studiate dal 2006 ad oggi, con un miglioramento di 1,8 punti percentuali rispetto al 2019.

Il divario di genere varia notevolmente a seconda della zona.
Mentre ci vorranno “solo” 54 anni perché l’Europa Occidentale riesca a colmare il divario al suo ritmo attuale, la parità in Nord America è ancora molto lontana: 151 anni!

Per l’undicesimo anno consecutivo, l’Islanda è in cima alla lista dei paesi più vicini alla parità tra i sessi, seguita da Norvegia, Finlandia e Svezia.

All’altro estremo della classifica, lo Yemen è risultato avere i peggiori tassi di parità tra i sessi, con l’Iraq penultimo e il Pakistan terzultimo.

“Fairer Economies” è uno dei sette temi che verranno trattati quest’anno al summit annuale dei leader mondiali di Davos.
In questo 50° appuntamento, in programma dal 21 al 24 gennaio 2020, il Forum si impegnerà a raddoppiare la partecipazione femminile all’evento entro il 2030, migliorando la rappresentanza delle donne nei vari gruppi di interesse.

Il World Economic Forum di Davos ha altresi implementato “Closing the Gender Gap Accelerators“, un programma che incoraggia un’azione coordinata tra i ministeri competenti e i datori di lavoro. L’obiettivo è quello di dare alle donne l’accesso a più posizioni di leadership, di colmare il divario salariale e di dare loro le competenze necessarie per i posti di lavoro del futuro.

Lettera dedicata a Harry e Megan….

Dear Harry,
yesterday ho appreso la news che with your wife rinunciate allo status reale because volete mantenervi da soli.
Lavorando.
Really?
But cosa hai in the head? The mushrooms?
But lo sai quanta people vorrebbe essere al posto vostro?
Now.
Capisco che non diventerai never never never king, because tu father c’è prima di te, because pure tu brother ‘Belli Capelli’ c’è prima di te e dovete comunque aspetta’ che a grandmother prenda un big ciopone (ma Betty ve fa il gesto dell’umbrella e non lascia il throne manco a mori’, appunto).
Capisco che a quella big gnoccolona de your wife manchi la television e che vorrebbe tornare a fare l’actress in qualche series, but not state a esagera’?
Pure cambiare house volete. Il Canada. Che dick c’andate a fa’ in Canada? L’England not vi garba più?
That poi vorrei sape’ se not fai il prince cosa vai a fa’.
L’hydraulic?
L’electrician?
The Caldaia Man?
Ci credo che grandmother Betty se sta a incazza’, gliene tirate out una behind l’altra.
But io lo so il motivo.
Volete far crescere the little Archie lontano dalla strange family che ve ritrovate.
Lontano da tu brother e Kate (that che spara i sons out dalla patonza reale in four and foureight e poi torna secca come uno street lamp), lontano da tu father e the MrsHorses Camilla, lontano da Betty e Filippo (che manco gli puoi affida’ il tu little baby because ultimamente se ribalta with car un day sì e un day pure)
Insomma Harry dove te giri te giri is the big casino, però pure you…
Senti, famo una cosa: io so’ the person simply, ma sono di compagnia. Now che si è liberato un place al palace, dicevo… se prendessi il tuo posto? Chessò… for tenere compagnia alla Queen… passarle il catalogo pantone for scegliere the colors for l’outfit, fare bye bye with the hand al posto suo che quella c’ha na certa… insomma, cose così.
Pensaci Harry.
Io al posto tuo.
Porto anche la biada a MrsHorses.
Faccio ingrassa’ pure la secca con le ricette de my mother (tipo le tagliatelle homemade al sugo de wild porc) così Meghan is happy se a quella le vie’ il doppio mento alla Enry VIII.
Chiudo nonno nello scantinato coi dog corgi, così non se ribalta più.
And regalo pure un rasoio a William così se rasa una volta for all quei three peli che tiene in the head.
E you finally sarai quello beautiful with wife fregna da competiscion che vive nella housettina in Canadà. Come la song famous.
Pensaci Harry.
I lo faccio for you.

Con much affection.
Simona Fruzzetti (geniale creatrice del testo)

 

Felici e disoccupati.

 

Bogotà: Claudia Lopez, il primo sindaco LGBT dell’America Latina

Il 2020 è cominciato con un grande successo per il movimento LGBT.
Si è insediata Claudia Lopez, 49 anni, la nuova sindaca di Bogotà: prima donna a conquistare il municipio della capitale colombiana e prima sindaca dichiaratamente omosessuale in America Latina. Progressista, di origini umili, Lopez farà della difesa delle libertà e dei diritti civili il suo cavallo di battaglia.

“Grazie a tutti per esservi svegliati presto, per esser qui in questo momento molto speciale della mia vita, la mia cerimonia di insediamento come prima donna, donna omosessuale, divenuta sindaca nella storia di Bogotà”, ha detto Lopez dal palco nel parco Simon Bolivar, dove è arrivata in bicicletta accompagnata dalla moglie, la senatrice Angelica Lozano.

“Finalmente la Colombia ha fatto progressi verso una democrazia inclusiva, che è stata sfuggente e sofferta”, ha aggiunto Lopez, che appare come il contraltare politico del presidente Iván Duque, le cui politiche sociali ed economiche hanno suscitato importanti proteste nel paese negli ultimi due mesi. La neo sindaca ha difeso nel suo discorso di inaugurazione il diritto alla protesta sociale manifestando il suo esplicito sostegno alla mobilitazione.

Tra i suoi obiettivi, che gli abitanti di Bogotà vivano senza paura in una città con più opportunità di lavoro, una migliore istruzione e più verde. Lopez ha detto di esser stata scelta non solo per incarnare un cambio nelle priorità del governo cittadino, nel suo stile e nella leadership, ma soprattutto per cambiare la storia.

 

“AMANTI…C’E’ POSTO!”

L’avete preso il biglietto per venirci a vedere a teatro il domenica pomeriggio 26 gennaio???
Dai….è un ottimo regalo di Natale!

Manca poco!
Conoscerete Felice, Virginia, Sandra, Bruno, Sergio, Mandrillone, Mandrillino, Fortunello, la Cesira, la Zelinda e la Zelmira…..

Il “nuovo” Museo Egizio di Torino

TORINO – Il Museo Egizio di Torino, il secondo dedicato alle antichità egizie più grande al mondo dopo quello del Cairo (e uno dei musei più visitati d’Italia), stavolta racconta un po’ della propria storia.

Meno di cinque anni dopo la sua riconfigurazione dell’aprile 2015 e quattro anni prima del suo bicentenario, che sarà celebrato nel 2024.

Giovedi 19 dicembre, infatti, il Museo Egizio ha aperto al pubblico cinque nuove sale, fra le quali quella dedicata alla fedele ricostruzione di un ambiente museale dell’800.

Nelle cinque sale – le cosiddette “sale storiche”, che accolgono i visitatori al piano ipogeo – si alternano prodotti multimediali e immagini d’archivio: antiche litografie, stampe e fotografie d’epoca, ma anche video e supporti digitali.

Per i cinque nuovi spazi espositivi sono stati investiti, totalmente autofinanziati, 350mila euro.

Il nuovo percorso biografico all’interno dell’ex Collegio dei Nobili è stato modellato intorno agli studi condotti dal curatore Beppe Moiso e dall’archivista Tommaso Montonati.


“E’ un primo passo, un intervento strutturale e creativo, che abbiamo effettuato autofinanziandoci. A maggio saranno pronte nuove sale. Siamo proiettati verso il bicentenario che celebreremo nel 2024”, ha detto la presidente del Museo Egizio, Evelina Christillin

“Questo è un luogo vivo, in continuo divenire, che muta e si evolve in virtù dei risultati della ricerca. Abbiamo realizzato questo importante progetto grazie alla collaborazione con l’Accademia delle scienze che ci ha permesso di ricostruire i passaggi della vita del museo”, ha spiegato il direttore del Museo, Christian Greco.

La storia del Museo Egizio di Torino deriva dalla passione dei Savoia, incuriositi da questa cultura estinta e dal mondo faraonico: si dedicarono cosi a spedizioni alla ricerca di reperti o acquisirono collezioni di oggetti rari.

Un ruolo, quello della monarchia sabauda, che sarà poi determinante nel 1824, con la decisione del Re Carlo Felice di acquistare la collezione Drovetti, facendone il nucleo fondante del Museo, che nasce così in quello stesso anno.

Tra i numerosi pezzi forti del museo: la Tomba di Kha e di Merit, le statue di Ramses II e Amenhotep I e la celebre collezione di papiri, che il celebre filologo Jean-François Champollion studiò nella sua opera di decodifica dei geroglifici.

Belgio, un anno senza governo (e senza accorgersene)

Da un anno, il Belgio è senza un governo vero.
Esiste solo un governo di transizione, guidato dal 28 ottobre da Sophie Wilmès, 44 anni, prima donna premier in 189 anni di storia del Belgio.

Un poco invidiabile record, certo, eppure nessuno – in Belgio – sembra essersi accorto della mancanza di un governo. Sarà un buon segno?

Tutto è iniziato il 18 dicembre 2018, quando la coalizione di quattro partiti dell’allora primo ministro Charles Michel – ora Presidente del Consiglio Europeo – è crollata in seguito all’uscita dei nazionalisti fiamminghi del N-VA (Nieuw-Vlaamse Alliantie) che protestavano contro il “Migration Pact” dell’Onu.

Dopo la caduta del governo, neanche le elezioni politiche di maggio sono state in grado di fare uscire il paese dallo stallo politico.
Da allora, un alleanza di centro-destra senza maggioranza parlamentare ha gestito gli affari correnti e le attività quotidiane.
Oggi il governo ad interim è guidato, come detto, da Sophie Wilmès, incaricata da Re Filippo.
Grazie al suo impulso sono ripresi i negoziati per la formazione al più presto possibile di un governo con pieno mandato.
AP Photo/Matt Dunham)

L’assenza di un esecutivo non sembra aver avuto, per ora, un impatto negativo sull’economia del Belgio, sostenuta dai consumi delle famiglie… Ma per quanto tempo?

“Ho l’impressione che la politica belga, in realtà, sia inutile. `E’ solo una facciata”, commenta Adrien, 23enne studente a Bruxelles. “Perché anche se non abbiamo un governo, tutto funziona ancora bene lo stesso”.

“Tutto gira attorno ai fiamminghi e i neerlandofoni. Ma non ha nulla a che fare con questo. E’ solo politica, che ci divide, non ci si unisce”, dichiara Lionel Guyaux, residente a Bruxelles.

Secondo gli analisti gran parte dei belgi è assolutamente critico nei confronti dei propri politici.

Spiega Dave Sinardet, professore di Scienze Politiche alla Libera Università di Bruxelles: “La classe politica non è riuscita collettivamente a formare un governo. C’è l’impressione che tutti i partiti politici siano principalmente coinvolti in una logica strategica e partigiana piuttosto che pensare all’interesse generale e formare un governo”.

Il Belgio non è nuovo alla lentezza nella formazione degli esecutivi: nel 2011 ha battuto il record mondiale, dopo 541 giorni senza governo.
Riuscirà stavolta a fare meglio (o peggio, a seconda dei punti di vista)?

Greta, nascita di un’icona

È domenica pomeriggio e un gruppo di giornalisti si ritrova all’ingresso dell’Università Complutense di Madrid. Sono lontani dal complesso in cui si svolge da una settimana il summit delle Nazioni Unite sul clima, ma alcuni attivisti li hanno avvertiti dell’arrivo imminente di Greta Thunberg.

Nella calca di fotografi e operatori tv, che cercano di assicurarsi l’angolo migliore, appare la giovane svedese, circondata dai giovani del movimento Fridays for Future, che la proteggono con una catena umana. Si notano anche diversi agenti di sicurezza.

In un attimo è il caos. Giornalisti, cameraman, fotografi, tutti cercano di avvicinare la ragazza, seguendola perfino in bagno, lamentano alcuni volontari. Mentre lascia il college, una studentessa le grida con un megafono: “Greta, ti prego, parla con me”. La lunga treccia bionda si fa appena riconoscere nello sciame di persone che la circondano ovunque vada.

Questo è solo un episodio della Gretamania che ha completamente travolto la COP25.
Qualcosa di simile è avvenuto anche a Torino, nella sua prima tappa italiana. Un uragano, anche in Italia. 

Greta e la sindaca di Torino Chiara Appendino.
Poco più di un anno fa Greta Thunberg era solo un’adolescente di Stoccolma, che tutti venerdì si sedeva sui gradini del parlamento svedese con il suo cartello, “sciopero per il clima”. Un’iniziativa solitaria per richiamare i potenti all’azione contro la crisi ambientale. Ma nel giro di pochi mesi, quest’idea si è trasformata in un movimento globale.

Questa settimana, culminata con l’annuncio di Time che l’ha eletta personaggio dell’anno 2019, l’attivista svedese ha dominato le cronache dell’intera conferenza Onu sul clima, Cop25. Momento clou, la marcia per il clima, venerdì scorso a Madrid. Ma in questa occasione Thunberg è stata costretta a lasciare la piazza: la massa di persone che la seguiva le ha reso impossibile procedere alla testa del corteo.

 “È stato frustrante vederla andare via dopo mesi di preparazione – dice Alejandro Martínez, esponente del Friday for Future in Spagna, che punta il dito su chi ha rovinato l’iniziativa – Tutta colpa dei media e delle persone che non hanno voluto rispettare il nostro spazio”.

Il fatto è che intorno all’adolescente si è scatenato un circo mediatico che la segue ovunque: quando si imbarca per una traversata oceanica, quando prende un treno e quando arriva in stazione. Una mobilitazione da capo dello Stato. “Quest’attenzione sta eclissando il lavoro degli altri attivisti – lamenta Martínez – Quando ci chiamano, ci chiedono solo di lei”.

“I media si focalizzano su Greta. Ma il movimento per il clima racchiude molte voci e tutte meritano di essere ascoltate”, insiste l’attivista. “È vero che tutta questa attenzione non può che fare bene alla nostra causa, ma non è corretto mettere alcune voci al di sopra di altre”.

Per Antón Rodríguez Castromil, docente di opinione pubblica all’Università Complutense di Madrid, il fenomeno si spiega perché Greta è diventata un simbolo. Rappresenta la lotta di un gruppo sociale che non ha mai esercitato il potere contro istituzioni che lo hanno sempre avuto, come i governi o le aziende.

“Ha iniziato dal basso, dai banchi di scuola, il che la rende una persona con cui possiamo facilmente identificarci”, spiega Rodríguez. Come Martínez, anche Rodríguez Castromil pensa che Greta non sarebbe diventata un fenomeno collettivo senza l’intervento dei media.

Alexander Kaufman, giornalista dell’Huffington Post specializzato in politiche climatiche, sottolinea narrazione potente della giovane attivista, basata sull’idea che i politici stiano “rubando” il futuro dei bambini: “È riuscita a rendere virale il cambiamento climatico”, osserva.
Un raro sorriso, torinese, di Greta.

A differenza di altre manie di questa epoca, quella per Greta non si basa sul consumo, ma su una giusta causa. Eppure, le critiche di Thunberg non hanno risparmiato il ruolo i media e il loro modo di affrontare la crisi climatica. Nonostante ciò, tv e giornali l’hanno eletta a paladina dell’ambiente.

“Per i media è molto più facile raccontare storie attraverso i personaggi. Questa volta hanno scelto Greta come protagonista. Si potrebbe sostenere che questo annacqua il messaggio, ma ha anche suscitato l’attenzione di quella parte di pubblico che altrimenti ignorerebbe la crisi climatica”, dice il giornalista.

Greta è diventata un’icona dei media, ne è consapevole e ha imparato subito a usare il suo spazio pubblico non per concentrare l’attenzione su di sé, ma per farsi portavoce dei messaggi che scienziati e organizzazioni ambientaliste sostengono da anni, ignorati dal pubblico generalista e dalle istituzioni.

E gli scienziati concordano sul fatto che, finora, l’effetto Thunberg sia stato l’unica cosa davvero efficace contro l’immobilismo politico.

Saleemul Huq, direttore dell’International Center for Climate Change and Development (ICCCAD), dice che da trent’anni gli scienziati lanciano l’allarme sulle conseguenze del cambiamento climatico, ma i loro avvertimenti sono rimasti lettera morta.

“Dieci anni fa gli effetti della crisi climatica sono diventati molto concreti nei paesi meno sviluppati. In quel momento abbiamo deciso di alzare la voce, ma – ancora una volta – siamo stati ignorati”. Greta ripete oggi questo monito, in nome degli adulti del futuro, e sembra essere ascoltata. “Un risultato che non abbiamo mai ottenuto – dice lo scienziato – Per chi inquina è ora di ascoltare i propri figli”.

Non è stato l’unico ad esprimersi a favore dell’attenzione mediatica per l’attivista svedese. Santiago Martín Barajas, di Ecologistas en Acción, ha scritto su Twitter che l’impegno di Greta è “una grande gioia” perché sta facendo qualcosa di necessario, mobilitando un’intera generazione.

L’ABC dei cambiamenti climatici: cinque fatti di cui non si può dubitare

Con il Cop25, in corso di svolgimento a Madrid, il cambiamento climatico torna al centro dell’agenda politica. Nonostante se ne parli tanto da anni, anche al di fuori della comunità scientifica, è un argomento su cui il giudizio dell’opinione pubblica è ancora polarizzato: sono in molti a dubitare dell’effettiva consistenza del fenomeno e, anche quando se ne riconosce l’esistenza, lo si ritiene un semplice fenomeno naturale, non causato dall’azione umana. La conferenza mondiale sul clima è una buona occasione per ripassare i concetti chiave del cambiamento climatico. Ecco cinque fatti che, dati scientifici alla mano, non possono essere messi in discussione.

1) Aumento delle temperature
È un fatto di cui nessuno può dubitare. La temperatura globale è aumentata di 0,6°C dalla fine del XIX secolo. Il riscaldamento ha subito un’accelerazione esponenziale negli ultimi 40 anni. Le temperature sono sempre più “anormalmente elevate” rispetto alla media del periodo.
Oltre alla temperatura globale, gli scienziati hanno osservano anche un aumento della temperatura del suolo, della bassa atmosfera e degli oceani.

2) Sempre più emissioni di gas serra
Come suggerisce il nome, i gas serra riscaldano la Terra come una serra di plastica riscalda l’aria e permette ai pomodori di crescere fuori stagione.Il gas serra più noto è senza dubbio la CO2, l’anidride carbonica emessa bruciando combustibili fossili per l’attività umana (ma non solo, anche la natura genera CO2: fuochi, vulcani, piante, oceani e anche il nostro respiro). Come mostrano i dati raccolti dalla Nasa, le emissioni di CO2 sono cresciute notevolmente dal 1950.
L’anidride carbonica non è l’unico gas serra in aumento. Sono cresciute anche le emissioni di monossido di carbonio, metano, ozono, formaldeide, biossido di azoto, anidride solforosa, raggi ultravioletti (UV), aerosol e… vapore acqueo. L’incremento delle emissioni di metano (CH4) è particolarmente preoccupante: la sua concentrazione aumenta rapidamente e il suo potere calorifico è addirittura superiore alla CO2.
Anche il vapore acqueo è una causa dell’effetto serra, ma non è possibile limitarlo in un pianeta composto per il 71% di acqua (e con le temperature in aumento). Possiamo solo cercare di limitare le fonti di altri gas, in particolare la combustione di combustibili fossili: trasporti, industria, agricoltura intensiva, ma anche incendi boschivi che generano un cocktail di gas serra o lo scioglimento del permafrost – il suolo ghiacciato delle regioni polari e dei ghiacciai – che a sua volta rilascia metano. In altre parole, le conseguenze del cambiamento climatico (incendi, riduzione del permafrost) stanno alimentando l’accelerazione del cambiamento climatico.

3) I ghiacciai si sciolgono
Il 2019 non è stato così catastrofico come il 2012 per quanto riguarda lo scioglimento dei ghiacci artici, ma al Polo Nord è stato un anno particolarmente caldo con eventi estremi. Superficie e spessore del ghiaccio si sono ridotti, rilasciando milioni di tonnellate di acqua dolce negli oceani. Gli scienziati temono che questo fenomeno stia accelerando più velocemente del previsto. Anche i ghiacciai sono a rischio. Dal 1997 i ghiacciai europei hanno perso tra gli otto e i 25 metri.

Reuters/Alexandre Meneghini/File Photo


4) Meteo e clima non sono la stessa cosa

Ad ogni ondata di freddo gli scettici del cambiamento climatico – tra cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump – sostengono che le temperature in picchiata sono la prova che il cambiamento climatico non esiste. Dimostrando così di non conoscere la differenza tra meteo e clima.
Le temperature invernali sono una funzione delle condizioni meteorologiche: sono locali e limitate ad un breve periodo di tempo. Inoltre si tratta di fenomeni naturali che si verificano nella parte inferiore dell’atmosfera.
Il clima, d’altro canto, è definito da dati regionali di ampia portata, stabiliti su un lungo periodo di tempo. Il clima coinvolge l’intera atmosfera ma anche le acque, la terra e i ghiacci. Ci sono diversi climi sulla Terra con variazioni annuali: è il sistema climatico ed è soggetto a forze esterne.
Attualmente l’intero sistema climatico è fuori controllo e le forze esterne che hanno innescato questo cambiamento sono legate alle azioni dell’uomo. Come si vede nel grafico sottostante il solo impatto della natura sul clima avrebbe causato un aumento della temperatura di 0,4°C rispetto all’era preindustriale. Nel peggiore dei casi. Ma l’attività umana ha fatto si che l’aumento effettivo sia stato di 0,6°C. L’obiettivo, fissato dagli accordi di Parigi, è di limitare l’aumento a 1,5°C, anche se secondo alcuni modelli si potrebbe arrivare addirittura ad un incremento di 7°C.

5) Il 99,9% degli scienziati è d’accordo
Gli scienziati, colpiti dagli scettici secondo cui non tutti gli scienziati concordano sul cambiamento climatico, hanno iniziato a studiare il consenso scientifico in materia. Risultato: tra il 97% e il 99,94% delle pubblicazioni scientifiche afferma che il cambiamento climatico esiste ed è generato dall’attività umana. In altre parole, c’è consenso sul cambiamento climatico antropogenico (causato dall’uomo) e consenso su questo consenso.